Non si arresta la creatività del gelatiere Pietro Di Noto, che alla passione per il “dolce freddo” unisce quella per le invenzioni. Tre anni fa ideato BoxGelina, un contenitore dalla capacità di 5 litri per il trasporto di surgelati e di gelati, che non richiede l’uso di energia elettrica. Prodotto in polietilene, grazie allo speciale gel posto all’interno mantiene una temperatura di -20°C perdendo solo qualche grado nell’arco delle 48 ore di autonomia. Prima dell’impiego va posto nel congelatore o nell’abbattitore possibilmente con il suo contenuto e può essere riutilizzato all’infinito. BoxGelina ha ottenuto la certificazione per uso alimentare, ma è idonea anche al trasporto di medicinali. Per questo Pietro Di Noto, visto l’incalzare della pandemia, ha sperimentare una versione più evoluta del contenitore, che oggi è in grado di arrivare a una temperatura di -100°C con una perdita di 7 gradi in 36 ore e può quindi trasportare dosi di vaccino anti Covid-19.

 

Il gelatiere nel frattempo ha messo a punto un altro brevetto: IceGelina. Si tratta di una vaschetta biodegradabile da 1 chilo per il trasporto dei mantecati, sempre senza l’impiego di energia elettrica. La vaschetta può mantenere una temperatura da -20°C per tre ore a -50°C per sei ore e diventa così una interessante alternativa alla classica vaschetta di polistirolo, che ha un’autonomia di circa mezz’ora a una temperatura esterna di 30°C.